Prezzo sostituzione vasca con doccia

Rating: 4.7. From 9 votes.
Please wait...

  • Un piatto doccia quadrangolare ha, generalmente, un costo contenuto
    Un piatto doccia quadrangolare.

Sostituire la propria vecchia vasca con una più pratica doccia è un desiderio di molti, tuttavia bisogna fare i conti con i costi di un simile intervento di ristrutturazione del bagno. Per tua fortuna possiamo dire che il prezzo sostituzione vasca con doccia è alla portata di ogni budget!

 

Passare da vasca a doccia è una soluzione che può sopperire a molti problemi nelle case moderne: in questo modo è possibile recuperare moltissimo spazio all’interno del proprio bagno, che non solo apparirà più spazioso, ma sarà anche più vivibile. Inoltre, rispetto alla classica vasca da bagno, una doccia presenta molti altri vantaggi come:

  • maggiore igiene: l’acqua scivola via dal corpo e non vi è ristagno;
  • risparmio idrico: fare una doccia, generalmente, richiede meno acqua di un bagno in una vasca;
  • maggiore praticità: fare una doccia richiede molto meno tempo di un bagno.

 

 

Da vasca a doccia: quanto costa?

 

Quanto costa sostituire una vecchia vasca da bagno con una doccia? La prima spesa da sostenere sarà sicuramente la manodopera, in base all’operazione che si vuole effettuare: spesso queste operazioni vengono effettuate da diversi professionisti, oppure possono essere effettuate dallo stesso operaio o ditta che si occupa di smontare la vecchia vasca da bagno e montare la nuova doccia.

 

Smantellamento della vasca: la vasca dev’essere rimossa con tecniche specializzate che prevedono il taglio lato per lato. Il costo può aggirarsi tra i 160 e i 240 euro, con una media di 190, 200 euro per il solo smantellamento (di solito questa operazione viene effettuata in un giorno lavorativo).

Preparazione della superficie: in questa fase viene predisposta la platea dove posizionare il nuovo piatto doccia e si provvede a posizionare un nuovo scarico, con un costo tra i 120 e i 150 euro.

Rivestimento e pavimento: le piastrelle che sono sotto il vecchio box della vasca vanno preparate e levigate, eventualmente sostituite se sono in cattivo stato. Questa operazione può costare da un minimo di 100 ad un massimo di 130 euro, al netto delle mattonelle da sostituire o da riparare.

Posa del piatto doccia: una volta scelto il materiale del nuovo piatto doccia (di cui si parleremo diffusamente più avanti), bisogna posarlo e fissarlo al pavimento. Questo comporta una spesa che può aggirarsi tra i 200 e i 250 euro, considerando anche la qualità del silicone usato per fissare ed impermeabilizzare il piatto.

Posa della cabina della doccia: in questa fase si provvede all’installazione del box doccia che si è scelto. Inoltre, potranno essere realizzate tutte le operazione che fossero necessarie per dotare la nuova doccia di altri complementi opzionali, come testine per idromassaggio o soffioni aggiuntivi. Il costo di tutto può oscillare tra i 140 e i 160 euro, ma può crescere in base ai materiali o alle rifiniture scelte, soprattutto se si installa un idromassaggio o un soffione particolare.

Pulizia finale: chi installa o sostituisce una vasca con doccia si deve preoccupare anche di smaltire tutti i detriti e di pulire ogni superficie. Questo comporta una spesa dalla forbice molto variabile perché, se si tratta soltanto della pulizia dell’ambiente dopo i lavori d’installazione, il costo può aggirarsi attorno ai 50 euro, mentre se la ditta si deve occupare anche dello smaltimento dei detriti il prezzo può arrivare intorno ai 150 o 160 euro.

 

Quanto costano i vari tipi di doccia?

 

Ogni doccia, indipendentemente dalla manodopera, ha un costo relazionato con i materiali di cui è composta, più o meno pregiati: ovviamente esso incide sul costo totale della sostituzione di una vasca da bagno con una doccia.

 

Piatti doccia in appoggio possono essere realizzati in:

Ecomalta: l’ecomalta è un materiale molto innovativo per realizzare piatti doccia. Essa viene realizzata industrialmente tramite il trattamento di materiali riciclati, tanto che il suo costo si aggira tra i 100 e i 120 euro.

Acrilico: i piatti doccia in acrilico di solito presentano uno spessore maggiore, all’incirca di 5 o 6 cm. I loro prezzo è più elevato di altri materiali, e varia dagli 80 ai 100 euro.

Resina: i polimeri di resina rendono i piatti doccia di questa tipologia molto lucidi e resistenti. La loro consistenza plastica è robusta e il prezzo varia dai 65 agli 80 euro.

Mix minerali e resine: questi piatti doccia sono caratterizzati per essere antimacchia ed antimuffa, oltre che facilissimi da pulire. Il loro costo è di circa 80 euro, ma alcuni modelli particolari costano fino a 100 euro.

Ceramica: la ceramica è un materiale molto classico per realizzare un piatto doccia, forse il più classico di tutti. Il prezzo per un piatto doccia in ceramica si aggira attorno ai 70 euro, ma se si desidera una ceramica modellata con scanalature antiscivolo il costo può crescere anche fino a 100 o 110 euro.

Acciaio: l’acciaio smaltato è garantito fino a 30 anni ed è uno dei materiali più ricercati per realizzare un piatto doccia. Per questo il suo costo è molto elevato, parte da un minimo di 140 fino a superare anche i 200 euro.

Corian: forse il materiale più costoso per un piatto doccia, il Corian è un mix di minerali naturali e polimeri pensato per resistere ed arredare finemente allo stesso tempo. Un singolo piatto doccia con questo materiale innovativo costa come minimo 450 euro, ma i più lavorati (ad esempio quelli con bordo rialzato) possono arrivare fino a 650 euro.

Tecnoril: anch’esso è un mix di materiali resistentissimi ed estremamente lucidi, ideale per arredare case moderne. I suoi prezzi partono da 125 euro fino a 140.

Piatto doccia a filo pavimento: le ultime mode in fatto di design per la doccia impongono, soprattutto nelle case ad arredamento minimale, un piatto della doccia a filo pavimento. I materiali più indicati per realizzarlo sono l’acciaio inox, il Tecnoril o il Corian.

Un piatto doccia angolare con bordo semicircolare è un'ottima soluzione per sfruttare spazi morti di un qualsiasi bagno.

Un piatto doccia angolare con bordo semicircolare.

 

 

Cabine doccia, porte e box a soffietto

 

Anche la scelta della cabina doccia è un aspetto molto importante nelle ristrutturazioni e nelle sostituzioni della vasca con doccia. Ci sono decine di modelli e di materiali tra i quali scegliere, vediamo insieme le principali tipologie di box, di cabine e di porte della doccia che si possono installare direttamente a casa propria.

 

Cabine angolari con ante scorrevoli o con porte battenti. Se si è scelto di installare la doccia in un angolo del bagno, probabilmente il piatto della doccia avrà una forma triangolare o meglio ad arco di circonferenza oppure una classica forma quadrangolare. La cabina sarà quindi modellata di conseguenza e potrà essere in uno dei seguenti materiali.

In vetro: le cabine doccia in vetro sono più lucide e più robuste, ma spesso più delicate. Una cabina angolare di questo tipo può costare attorno ai 200 euro, ma può arrivare fino a 1000 se ha un’intelaiatura particolare (ad esempio di acciaio inox) oppure un vetro realizzato in cristallo.

In PVC: il PVC è un materiale che viene impiegato nell’edilizia anche per gli infissi a tenuta termica. Un box doccia in PVC è comodo perché permette di non essere visti da fuori e può avere un prezzo minimo attorno ai 150 euro, ovviamente destinato a crescere se si tratta di docce più accessoriate come quelle idromassaggio, che arrivano anche fino a 800 euro.

Le porte doccia in cristallo sono molto belle e possono donare effetti particolari al tuo bagno.

Un esempio di cabina con porte doccia in cristallo.

Porte della doccia. Se si intende sostituire soltanto le porte della doccia è probabile che i materiali a cui ci si rivolgerà saranno nuovamente vetro o PVC.

In vetro: una porta della doccia in vetro costa circa 130 euro nel caso di apertura a battente, mentre può arrivare attorno ai 180 euro se l’apertura è scorrevole.

In PVC: se si scelgono delle porte in PVC aperte a 90 gradi è probabile che il prezzo rimanga attorno agli 80 o 90 euro, mentre per aperture scorrevoli si aggira sui 120 euro.

 

Box a soffietto. Un caso del tutto particolare è rappresentato dai box doccia a soffietto, ideali per risparmiare spazio data la possibilità delle loro ante di ripiegarsi su se stesse e di distendersi all’occorrenza.
In questo caso la scelta del PVC è quasi obbligata: il minimo che si può spendere per questo box doccia di questo tipo sono circa 60 euro, ma si arriva anche a oltre 200 euro in caso di rifiniture più complesse o di aperture particolari.

 

 

Si può beneficiare di detrazioni fiscali?

 

La sostituzione della vasca con doccia è un lavoro di ristrutturazione che potrebbe beneficiare di alcuni sgravi fiscali piuttosto importanti.

Le detrazioni fiscali in tema di ristrutturazioni edilizie sono regolamentate dalla Legge di Stabilità. Sebbene la sola sostituzione della vasca con doccia non costituisca un intervento sufficiente per una riduzione delle tasse, essa lo può diventare se inserita nel quadro di interventi più incisivi di ristrutturazione del bagno o dell’impianto idraulico soprattutto se essi vengono effettuati per problemi di accessibilità riguardanti persone appartenenti a categorie protette (anziani, malati, disabili).

In questo caso la legge offre la possibilità di poter godere di uno sgravio fiscale, relativo anche alla sostituzione della vasca con doccia, pari al 50% delle spese sostenute per la ristrutturazione dell’intero bagno.

 

 

Come trovare offerte online

 

Siete in cerca di offerte sul web per capire come sostituire la propria vasca con una doccia? Intanto, se conoscete delle marche specifiche di sanitari che provvedono a vendere anche componenti di doccia, potreste provare a guardare sui loro siti ufficiali o sui listini prezzi, per iniziare ad avere un’idea della cifra da spendere. Molto di questi siti, ciclicamente, pubblicizzano offerte sottocosto di cui potreste approfittare.

Un’altra strategia per trovare una soluzione ottimale per le proprie esigenze e per il proprio budget, potrebbe essere quella di richiedere preventivi tramite quei portali che offrono questo servizio gratuitamente. In questo modo, potrete ricevere offerte specifiche su misura per voi direttamente dalle imprese della vostra zona e confrontandole potrete trovare quella più opportuna per voi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *